MENU
zolder_2017_header

Joys and sorrows in Belgium

spielbergf2_2017_header-614x251

Last minute call for Raffaele at the Austrian stage...

paulrichard_2017_header

30/06/2017 Comments (0) Views: 218 Blancpain GT Series 2017, Free Pratice, Gallery, Mercedes AMG, Qualifying, Races, Team AKKA, TeamLello

A 1000 KM comeback brought Raffaele to the TOP 10

A 1000 KM comeback brought Raffaele to the TOP 10

The third stage of the Endurance series of the Blancpain GT championship took place last weekend on the Paul Ricard track. The idyllic scenery of the French Riviera was the theatre of a spectacular race that saw 58 cars fight for the victory during six long hours, from 6pm to midnight. The weekend started as an uphill battle for Marcello and his teammates Meadows and Morata, as their Mercedes AMG GT3 no. 90 – which balance wasn’t yet optimal – struggled to keep the pace with faster vehicles during the free sessions. The problem with the set up was partly resolved in the afternoon, but the speed gap was still too big to fill, and Marciello had to settle for a 26th placement (at 1.2 seconds from the top).
Qualifying took place on Saturday morning under the usual Q1, Q2, and Q3 format; because the track becomes more and more marked by tires and the fuel tanks become lighter, Q3 – the session attributed to Marciello – is crucial. Marcello took the wheel and immediately bettered the previous day’s time, finishing 19th at nine tenths from the leader. Sadly, two penalties inflicted to the team pushed the no. 90 back to the 27th place on the starting grid.
The Endurance race begun at 6pm with Meadows at the wheel for the first 90 minutes. The Englishman drove with confidence and climbed to 19th place before handing the car to Marciello, who, with 4h30 to go, rolled up his sleeves and begun a spectacular comeback: fast lap after fast lap, overtake after overtake, the driver from Ticino won fifteen positions in a his two hours and twenty minutes stint, and was in fourth place when he passed the torch to Mortara. His teammate begun well, but then his pace decreased and eventually he got into a tailspin that sent him out of bounds; this resulted in a drive through penalty that cost him five positions. During the last lap Mortara lost another position and finished tenth. A disappointing result, considered that the Mercedes no. 90 had been close to the podium just two hours before.
The team will now have little time to rest, as the official tests for the 24H of Spa – the most important race of the season, which will take place at the end of the month – await on July 4th.


Una rimonta durata 1000KM ha portato Raffaele nella TOP 10

Sotto lo splendido sole della Costa Azzurra, si è corso questo week end il terzo appuntamento della serie Endurance del campionato Blancpain GT Series con la 1000KM del circuito Paul Ricard. In una cornice davvero molto suggestiva, è andata in onda la prima vera gara di lunga durata del campionato con ben 58 vetture impegnate in pista che si sono date battaglia per ben sei ore nel tardo pomeriggio di Sabato, in una competizione iniziata alle sei del pomeriggio e terminata a mezzanotte. La Mercedes AMG GT3 numero 90 capitanata da Raffaele Marciello si è presentata al primo turno di prove libere del Venerdì con gli ormai usuali compagni di squadra Edoardo Mortara e Michael Meadows. Sin dalle prima battute il week end è iniziato in salita, a causa della difficoltà delle vetture di Stoccarda di tenere il passo degli avversari soprattutto nel secondo settore della pista, quello più veloce, dove le velocità di punta erano nettamente inferiori a quelle delle case rivali (si parla anche di 18km/h di differenza rispetto le auto di casa Nissan e Bentley). Oltre a ciò, il bilanciamento della vettura sembrava davvero lontano dall’essere ottimale e tutti e tre i piloti hanno faticato a trovare il passo nel corso del primo turno di prove libere. Poche ore dopo, nel pomeriggio di Venerdì, si è scesi nuovamente in pista per il secondo turno di prove libere che ha visto completare il programma della mattinata alla ricerca del set up ottimale ed è poi terminato con Raffaele Marciello che ha montato gomma nuova per simulare la qualifica che si sarebbe tenuta l’indomani. Se il set-up della Mercedes AMG GT3 numero 90 è andato migliorando, purtroppo il gap di velocità massima pagato nel secondo settore non ha permesso a Marciello di andare oltre la ventiseiesima posizione ad 1.2 secondi dalla vetta. Sabato mattina sono andate in onda le qualificazioni ormai nell’usuale format che vede Q1, Q2 e Q3, sessioni guidate rispettivamente da Mortara, Meadows e Marciello. Arrivato il momento della Q3, la sessione più importante perché quella in cui la pista è più gommata ed il serbatoio della vettura è più scarico, Marciello si è calato nella vettura migliorando il tempo segnato il giorno precedente e qualificandosi in diciannovesima posizione a nove decimi dal leader. Purtroppo, a causa di due penalità, l’equipaggio della vettura numero 90 è stato retrocesso di otto posizioni in griglia iniziando la lunga gara Endurance dalla ventisettesima posizione. Alle ore diciotto di Sabato è scattato il semaforo verde della lunga gara di 1000KM, con Micheal Meadows impegnato alla guida per una sessione di circa un’ora e mezza. L’inglese ha condotto la propria corsa in modo pulito e costante mantenendo un passo gara di tutto rispetto e recuperando alcune posizioni sino a risalire alla diciannovesima piazza, prima di consegnare il volante al Ticinese Marciello. A quattro ore e mezza dal termine, è partita una vera e propria rimonta di Marciello che a suon di giri veloci e sorpassi è riuscito a risalire addirittura sino alla quarta posizione recuperando dunque quindici posizioni dall’inizio del suo stint. Da sottolineare inoltre che Raffaele ha guidato per ben due ore e venti minuti ( più di tutti in assoluto) la Mercedes AMG GT3 numero 90 nelle fasi più critiche della corsa, quelle del tramonto, dove i riflessi della luce possono essere molto fastidiosi. Con una prova pressoché perfetta, Marciello si è fermato dopo circa quattro ore di gara ed ha consegnato il volante ad Edoardo Mortara per le restanti due ore. Edoardo, purtroppo, dopo un inizio di tutto rispetto, ha corso il suo stint con un passo gara non ottimale sino poi ad incappare in un testacoda che lo ha visto infrangere i limiti della pista. I severi marshall del campionato non hanno tardato a penalizzare la Mercedes AMG GT3 numero 90 per il mancato rispetto dei track limits, infliggendo un drive through che è costato ben cinque posizioni, rientrando in gara in nona posizione. Nel corso dell’ultimo giro la Mercedes guidata da Mortara ha perso poi un’altra posizione terminando la corsa in decima posizione. Si abbandona il circuito del Paul Ricard dunque con un po’ di amaro in bocca perché a fronte di una straordinaria rimonta della ventisettesima alla decima posizione, purtroppo si è consapevoli che il podio sarebbe realmente stato alla portata della vettura di Marciello. Dopo questo appuntamento i motori restano in silenzio per pochi giorni perché già il 4 Luglio si scenderà nuovamente in pista per i test ufficiali della 24H di Spa, l’appuntamento più importante della stagione che si terrà dal 27 al 30 Luglio.

  • paulrichard2017_gellery3
    paulrichard2017_gellery3
  • paulrichard2017_gellery4
    paulrichard2017_gellery4
  • paulrichard2017_gellery1
    paulrichard2017_gellery1
  • paulrichard2017_gellery2
    paulrichard2017_gellery2

Comments are closed.