MENU
akka_marciello_2018_header-614x25

TEAM AKKA-ASP RACE CALENDAR 2018

sepang

A DOUBLE PODIUM FOR MARCIELLO IN SEPANG

zoelder_marciello_2018_header-614x25

12/04/2018 Comments (0) Views: 131 Blancpain GT Series 2018, Gallery, Mercedes-AMG, Team AKKA, TeamLello

BLANCPAIN SPRINT SERIES ZOLDER – ANOTHER PODIUM FOR MARCIELLO

ZOELDER – ANOTHER PODIUM FOR MARCIELLO

Five weeks after his successful season debut at Bathurst, Marciello travelled to Belgium’s Circuit Zolder for the first race of the Blancpain Sprint Series championship, in which the Ticino driver competes alongside Michael Meadows at the wheel of the Mercedes AMG GT3 no. 88. In 2018, the starting order of the two one-hour races (which take place on Saturday and Sunday) will be determined by the results of two qualifying sessions. In the races, Marciello and Meadows will drive for 30 minutes each, and use the mid-race pit stop to switch places.

On Friday’s qualifying session, Marciello showed he wouldn’t be intimidated by the odds that seemed to be stacked against the Mercedes, and was able to place his car in an Audi-dominated top five. Saturdays’ qualifying rounds started off with Meadows’ fourteenth placement in Q1, but in Q2 Marciello managed to secure the Mercedes a spot in third row – once again, the only car from the Affalterbach giant in a sea of Audis and Lamborghinis.
The disappointing result in Q1 meant that chances of fighting for the top positions in Race 1 were already jeopardised. Meadows started well and overtook a few cars before handing the wheel to Marciello, who, thanks to an impressive run, was able to climb up to eight position and grab a few precious points.

On Sunday, Raffaele started from the third row and immediately sprinted up to fourth place. He then kept the pace of the Lamborghinis and Audis in front of him, leaving a huge gap behind. A mistake from one of the Lamborghinis’ team at the moment of changing tires won the Mercedes another position, and Meadows got back on the track in third. He fought off the attacks from behind with decision, and got rewarded for his efforts when a pit-stop penalty took the Audi in front out of the equation, propelling then Maciello-Meadows team on the second step fo the podium and winning home more crucial points for Mercedes.

Marciello, high on confidence, is already on his way to Malaysia, where he will reunite with the Gruppe M team – with which he has already worked with at Macao’s FIA GT World Cup – and take the wheel of their Mercedes AMG GT3 for the first stage of the Blancpain GT Asia series.

ZOELDER – PODIO IMMEDIATO PER MARCIELLO

Dopo una straordinaria partecipazione alla 12H di Bathrust lo scorso Febbraio, sono state settimane movimentate per Raffaele Marciello che ha svolto numerosi test in preparazione dei programmi 2018. Presso l’autodromo Belga di Zolder ha finalmente avuto inizio il campionato Blancpain Sprint Series che si svilupperà su cinque gare alternate con la serie Endurance. Nella serie Sprint, Marciello correrà con la Mercedes AMG GT3 numero 88 affiancato dall’Inglese Meadows. Come da tradizione, il format della serie Sprint vede due gare (una il Sabato ed una la Domenica) dalla durata di un’ora ciascuna, dove i due piloti si alterneranno dopo la prima mezz’ora di guida con un pit stop con cambio gomme. La novità del 2018 è che l’ordine di partenza delle due gare sarà definito dalle due qualifiche che si svolgeranno il Sabato e dunque il pilota che prenderà parte alla Q1 determinerà la posizione di partenza di gara 1, mentre il pilota che guiderà in Q2 determinerà la posizione di partenza di gara 2. Nel corso del Venerdì sono andate in scena le due sessioni di prove libere che hanno immediatamente mostrato lo strapotere di casa Audi che ha piazzato tutte le proprie vetture nelle prime cinque file dello schieramento. L’unica vettura diversa che si è inserita in questo gruppo è stata proprio la Mercedes AMG GT3 numero 88 guidata da Marciello che nel corso delle seconde prove libere si è imposta in prima posizione, ben lontana da tutte le altre vetture di Affalterbach che erano numerose file più indietro. Sabato mattina sono andate in onda le qualifiche che hanno visto immediatamente al volante Meadows in Q1 che non è riuscito però ad andare oltre alla diciassettesima posizione. In Q2 il volante è passato nelle mani di Marciello che, nonostante le numerose bandiere rosse che hanno interrotto la sessione, è riuscito a piazzare la Mercedes AMG GT3 numero 90 in terza fila, unica Mercedes all’interno di un agguerrito gruppo di Audi e Lamborghini. Sabato pomeriggio ha preso il via la prima gara del week-end dove, vista la posizione di partenza molto arretrata, i presupposti di fare punti erano ridotti all’osso. Al via Meadows è riuscito a sopravanzare alcune vetture per poi condurre in modo pulito ed ordinato la prima mezz’ora di gara consegnando la vettura al compagno di squadra Raffaele Marciello in dodicesima posizione. L’ultima mezz’ora di gara è stata letteralmente una rincorsa per Marciello che con un ritmo notevole ha recuperato il distacco rispetto gli avversari più performanti e giro dopo giro ha guadagnato posizioni effettuando numerosi sorpassi decisi e millimetrici, in una pista dove solitamente è molto difficile superare avversari veloci. La rincorsa di Raffaele è terminata in ottava posizione, riuscendo così ad agguantare la zona punti. Domenica pomeriggio il semaforo verde è scattato per la gara due che ha visto Marciello prendere il via dalla terza fila in quinta posizione, agguantando immediatamente la quarta posizione nelle prima curve. Per la prima mezz’ora, Marciello ha incatenato una serie di giri velocissimi con la sua Mercedes AMG GT3, unica vettura in grado di tenere il passo delle Lamborghini ed Audi che lo precedevano. Il trenino delle prime quattro vetture al comando ha letteralmente distaccato la concorrenza creando un vuoto con gli avversarsi e Marciello è rientrato in corsia box, per effettuare il cambio gomme e pilota, letteralmente incollato all’Audi in terza posizione. Passato il volante nella mani di Meadows, la Mercedes AMG GT numero 88 ha ripreso la corsa in terza posizione a causa di un errore nel cambio gomme da parte della Lamborghini che si trovava in testa. Meadows ha condotto la gara cercando di contenere le pressioni degli avversari che lo insediavano per il gradino più basso del podio e, a pochi minuti dalla fine, è arrivata una penalità all’Audi che si trovava in quel momento al comando, a causa di una infrazione commessa durante le fasi di pit-stop. In questo modo il duo Marciello-Meadows ha concluso la gara in seconda posizione, portando a casa punti importanti ed essendo l’unica vettura di Affalterbach a centrare il podio in un pista a lei ostica rispetto allo strapotere Audi-Lamborghini. Il prossimo appuntamento per Raffaele sarà a brevissimo: Marciello è già infatti in viaggio per la Malesia dove il prossimo week-end correrà la prima gara della serie Blancpain GT Asia a bordo della Mercedes AMG GT3 del team Gruppe M (stesso team con cui ha già corso la FIA GT World Cup di Macau).

  • zoelder_gt_marciello_2018_gallery4
    zoelder_gt_marciello_2018_gallery4
  • zoelder_gt_marciello_2018_gallery1
    zoelder_gt_marciello_2018_gallery1
  • zoelder_gt_marciello_2018_gallery3
    zoelder_gt_marciello_2018_gallery3
  • zoelder_gt_marciello_2018_gallery6
    zoelder_gt_marciello_2018_gallery6
  • zoelder_gt_marciello_2018_gallery2
    zoelder_gt_marciello_2018_gallery2
  • zoelder_gt_marciello_2018_gallery5
    zoelder_gt_marciello_2018_gallery5
  • 6m-ok1wpuampu12luppijq1wyx4unfgqrx81qf7gqxsnjrh8eira9c7rxc8cpykm_k-q79lyko0oedbd9kharqfxqwzh_fc4ru9vlblbxdskzx2mwubfz2u2hzmb8yldy
    6m-ok1wpuampu12luppijq1wyx4unfgqrx81qf7gqxsnjrh8eira9c7rxc8cpykm_k-q79lyko0oedbd9kharqfxqwzh_fc4ru9vlblbxdskzx2mwubfz2u2hzmb8yldy
  • 9lybpnlukznexzb7b4mufr7vfw7rzpvuh7fxvdbgrscue1ajvs0xgi9rc3aouyqhbuc0afbbevgf1wfxwtyu1apcz4k51-7cszba-jmed-kfgwehw7vmk3gscmkps08mg2bs2ykgao8p2gvx6ronfsxrllvbj3xse3nsiqdmvxdu
    9lybpnlukznexzb7b4mufr7vfw7rzpvuh7fxvdbgrscue1ajvs0xgi9rc3aouyqhbuc0afbbevgf1wfxwtyu1apcz4k51-7cszba-jmed-kfgwehw7vmk3gscmkps08mg2bs2ykgao8p2gvx6ronfsxrllvbj3xse3nsiqdmvxdu
  • auya8oswnc2aqhmoou06_c1zqhj2acgi6sjhn98cgei0sz98mhpnx6zrln8esk8wxrv1yy4xcojvwffl7hzsh4
    auya8oswnc2aqhmoou06_c1zqhj2acgi6sjhn98cgei0sz98mhpnx6zrln8esk8wxrv1yy4xcojvwffl7hzsh4
  • ayv7het68bfcvw7qggjeott0wo0k55n1f1tl3s_sqraykny7t_gv9nazquqwfwkew7akehet82zglixid_hvtwrmdkkkjtn-xftgeq4dpoa6rjzpatutjqholxrmqif2u
    ayv7het68bfcvw7qggjeott0wo0k55n1f1tl3s_sqraykny7t_gv9nazquqwfwkew7akehet82zglixid_hvtwrmdkkkjtn-xftgeq4dpoa6rjzpatutjqholxrmqif2u
  • bme_rz9orvti1duu4any0rd5podciuakcq4zqcw5ctympjp6ccpkqno-fz_3ornlcyaippr7ijyspr7nhwafwoibhqvjwbnbzib14zcjxxfzjzknfapsdxwraygrxonyu
    bme_rz9orvti1duu4any0rd5podciuakcq4zqcw5ctympjp6ccpkqno-fz_3ornlcyaippr7ijyspr7nhwafwoibhqvjwbnbzib14zcjxxfzjzknfapsdxwraygrxonyu
  • bqnczww3s0xt5szklgwvthnbv1pngryec0damznklwq
    bqnczww3s0xt5szklgwvthnbv1pngryec0damznklwq
  • dvy0hnsakhkgylkyoomhsf86x3tpu0ngjmohxscrr3krfywm-6l2dftosbwm9q47pv8gernzmky9nbsk-w6tya
    dvy0hnsakhkgylkyoomhsf86x3tpu0ngjmohxscrr3krfywm-6l2dftosbwm9q47pv8gernzmky9nbsk-w6tya
  • hl5haldpqank6j1sqhvfuutatlct8dbdbupewhskcuk1enwqhpuyb74b6bblpun-dtbifgxb97dcrs1nwv8ero
    hl5haldpqank6j1sqhvfuutatlct8dbdbupewhskcuk1enwqhpuyb74b6bblpun-dtbifgxb97dcrs1nwv8ero
  • kcwmhxicomswohipxsqosogh3kjzqf-db-9cpmx-msgil_-nzu1bqse4_sw-w4uibyfu6kxgc_vfdy03srxkqcybcdxy5kkpdgastrxxgof952bxascv8qbnp3ssk5rzs
    kcwmhxicomswohipxsqosogh3kjzqf-db-9cpmx-msgil_-nzu1bqse4_sw-w4uibyfu6kxgc_vfdy03srxkqcybcdxy5kkpdgastrxxgof952bxascv8qbnp3ssk5rzs
  • t-gxpsv-bvvo5ng_digzdujhcptnezfppjyjuhzgknuhdpjsbgt8h9owp2qkvirqz25j5jdwvg5ilknmznaesk
    t-gxpsv-bvvo5ng_digzdujhcptnezfppjyjuhzgknuhdpjsbgt8h9owp2qkvirqz25j5jdwvg5ilknmznaesk
  • wyaxjxrz2cavtshhypcynshe0uzjuigav2locvkwikwl9qal0ofo21zxxwvd9ymmqpqf_9djg0bw89nmgfonbe
    wyaxjxrz2cavtshhypcynshe0uzjuigav2locvkwikwl9qal0ofo21zxxwvd9ymmqpqf_9djg0bw89nmgfonbe
  • wyiki-lp9dx8d48545f_ebnhyxqxfbr5haauyl7rodmqm83dq-rvfqrmvpobb6qz7x7yjjte_dleewhntvjcxkeopjzzn7mp9de_jjwmthxafjhyv51daeeklvrlt61mm
    wyiki-lp9dx8d48545f_ebnhyxqxfbr5haauyl7rodmqm83dq-rvfqrmvpobb6qz7x7yjjte_dleewhntvjcxkeopjzzn7mp9de_jjwmthxafjhyv51daeeklvrlt61mm
  • yvycpl9roeabxgsnuamaqhjpbvpyfvfgioj0iblwcnchfdrcwjib7rcvrslznv4ogulxkxovzloqvf_dnyjtqcgm-h8oitol2stkqmhazjznnqncdfd_eoj2ljrbn24lgsh72xhr_vq08rczmcqtf7dqxbwoa-lfzecal-gjtb_u
    yvycpl9roeabxgsnuamaqhjpbvpyfvfgioj0iblwcnchfdrcwjib7rcvrslznv4ogulxkxovzloqvf_dnyjtqcgm-h8oitol2stkqmhazjznnqncdfd_eoj2ljrbn24lgsh72xhr_vq08rczmcqtf7dqxbwoa-lfzecal-gjtb_u

Comments are closed.