MENU
2019_rmarciello_teamlello

#TEAMLELLO FAMILY REUNION

brands-hatch-2019b

BRANDS HATCH A BROKEN CLUTCH COSTS MARCIELLO THE PODIUM

2019_rmarciello_monza

16/04/2019 Comments (0) Views: 121 Gallery, Mercedes-AMG, TeamLello

A SAFETY CAR AND A TECHNICAL PROBLEM SPOIL MARCIELLO’S WINNING CHANCES

BLANCPAIN ENDURANCE SERIES – MONZA
A SAFETY CAR AND A TECHNICAL PROBLEM SPOIL MARCIELLO’S WINNING CHANCES

Marciello’s debut in the new season of the Blancpain Endurance Series was full of surprises – none of which, unfortunately, helped the Ticino driver. Marciello, alongside teammates Meadows and Abril, had started the weekend well, and had established, already during the free sessions, that Team AKKA’s Mercedes AMG GT3 no 88 was up to the challenge despite the difficulties that Mercedes cars always encounter in Monza – a track characterised by long straight sections, where the opposition’s higher speeds can make a big difference. The weather gave the team the opportunity to test the car both in dry and wet conditions, which was important, as the forecasts predicted a rainy Sunday.

When Marciello took the wheel for the first session of qualifying, it was already pouring. Raffaele grabbed a second place behind a Lamborghini; he could have finished first were it not for a congestion that slowed him down in his final lap. Still, his result was good enough to raise the average of the team (Meadows obtained an eight place in the second session, and Abril, who struggled with the low-grip conditions of the track, fell way behind) and place the no 88 fourth on the starting grid.

When the three-hour endurance race started in the afternoon, it was still raining. Abril was first behind the wheel, and managed to keep the fourth position. The rain then abated a bit, and AKKA made the risky decision to change the tires to slick before Marciello’s stint. Raffaele, who got back on the track in second, proceeded to put on a show: with the track still wet, he overtook the Aston Martin in the lead (which still had wet tires on), scored the fastest lap, and created a huge 30 seconds gap between him and his chasers. Then, bad luck entered the race – in the shape of a safety car. The rain picked up again, and Marciello found himself wading through the track with his now cold slick tires. He fell back to fifth before handing the wheel to Meadows. The Englishman entered the race in seventh, climbed up to fifth and was ready to attack the fourth position when the left suspension broke, forcing him to retire.

Seeing the glass half full, both the team and the car have demonstrated that they have all it takes to challenge for the title in 2019. Marciello will be back in action on May 4-5 in Brands Hatch’s Sprint Series race.

BLANCPAIN ENDURANCE SERIES – MONZA
VITTORIA SFUMATA A CAUSA DI UNA SAFETY CAR ED UN RITIRO PER UNA NOIA TECNICA

È ufficialmente iniziato il Blancpain Endurance Series della stagione 2019. La gara inaugurale di Monza ha riservato numerose sorprese e colpi di scena. Raffaele Marciello è sceso in pista dal Venerdì, per alcune sessioni di prove libere, a bordo della Mercedes AMG GT3 numero 88 del Team AKKA coadiuvato dai compagni di squadra Meadows ad Abril. Il trio di piloti si è immediatamente confermato al top della classifica con una vettura competitiva sul circuito Brianzolo, storicamente e solitamente avverso alle vetture di Affalterbach a causa dello svantaggio in termini di velocità di punta sui lunghi rettilinei che caratterizzano questa pista.

Nel corso della giornata si è passati da condizioni di bagnato a condizioni di
asciutto e ciò ha permesso al Team AKKA di prepararsi su entrambi i fronti, dal momento che le probabilità di pioggia per la giornata di Domenica erano molto elevate. Anche nella giornata di Sabato, nelle ulteriori prove libere, si è lavorato per migliorare la vettura e prepararsi al meglio alle prove di qualificazione di Domenica mattina. Domenica mattina si è scesi in pista per la sessione di qualificazione che, come ormai di prassi, è suddivisa in tre sotto-sessioni, ognuna riservata al singolo pilota che va a comporre l’equipaggio; il
risultato finale della qualifica è così determinato facendo la media tra i tre tempi fatti segnare dai tre partecipanti. Nella prima sessione, sotto una pioggia consistente, il voltante è stato preso da Marciello che è riuscito a piazzarsi in seconda posizione assoluta, alle spalle di una Lamborghini, anche se nel giro finale in cui stava migliorando ha trovato traffico nell’ultimo settore, vanificando la possibilità di ottenere la prima piazza.

Nella seconda sessione, con un tempo non ottimale, Meadows è comunque riuscito a piazzarsi in ottava posizione assoluta, seguito da Abril nella terza sessione che non è riuscito a prendere confidenza con la vettura nelle condizioni di poca aderenza, piazzandosi nelle retrovie. La media tra i tre piloti, fortunatamente a causa dell’ottimo tempo fatto segnare da Marciello nella prima sessione, ha posizionato la Mercedes AMG GT3 numero 88 in quarta posizione assoluta, garantendo dunque un’ottima posizione di partenza per la gara Endurance di tre ore del pomeriggio. La partenza della corsa è stata guidata da Abril che, in condizioni di pioggia e gomme da bagnato, ha condotto la propria ora di guida mantenendo la quarta posizione.

Al termine dello stint di guida di Abril, la pioggia è andata diminuendo ma non era sparita totalmente ed il Team AKKA ha deciso di azzardare mettendo Marciello alla guida con gomme slick da asciutto in condizioni di pista ancora bagnata. Rientrato dopo il pit-stop in seconda posizione, è iniziato un vero e proprio show di Marciello che, in condizioni di aderenza precaria è riuscito a rimontare sulla testa della corsa, a sorpassare l’Aston Martin con gomme da bagnato in prima piazza, portandosi dunque in prima posizione ed imponendosi con un ritmo imbarazzante sugli avversari.
Marciello infatti, al termina della propria ora di guida, aveva inflitto ben trenta secondi al secondo in classifica, facendo anche segnare il giro più veloce della corsa di circa due secondi più rapido rispetto la concorrenza. Ancora una volta, in condizioni di precaria aderenza, Marciello è riuscito a mettersi in mostra, annientando completamente la concorrenza. Purtroppo, quasi al termine dello stint di Raffaele, una safety car è intervenuta in pista, azzerando completamente il vantaggio acquisito sino a quel momento. Ripartiti dopo la safety car, in condizioni di bagnato sempre crescente e con gomma ormai raffreddata, Marciello è scivolato in quinta posizione, lasciando poi il voltante a Meadows. L’inglese, entrato in pista con gomme da bagnato in settima piazza, si è contraddistinto per una guida veloce che lo ha fatto risalire sino alla quinta piazza, pronto ad agguantare la quarta posizione.
Purtroppo, nelle fasi finali di gara, la rottura della sospensione destra ha interrotto la sua rimonta costringendolo al ritorno ai box ed al ritiro definitivo.

Con l’amaro in bocca si abbandona dunque Monza, consapevoli però dell’ottimo pacchetto disponibile che ha permesso alla Mercedes AMG GT3 del Team AKKA di essere sempre in lotta per la parte alta della classifica. Il prossimo appuntamento è con la serie Sprint sulla pista di Brands Hatch, i prossimi quattro e cinque Maggio.

  • monza_gt_marciello_2019_gallery6
    monza_gt_marciello_2019_gallery6
  • monza_gt_marciello_2019_gallery5
    monza_gt_marciello_2019_gallery5
  • monza_gt_marciello_2019_gallery4
    monza_gt_marciello_2019_gallery4
  • monza_gt_marciello_2019_gallery3
    monza_gt_marciello_2019_gallery3
  • monza_gt_marciello_2019_gallery9
    monza_gt_marciello_2019_gallery9
  • monza_gt_marciello_2019_gallery10
    monza_gt_marciello_2019_gallery10
  • monza_gt_marciello_2019_gallery11
    monza_gt_marciello_2019_gallery11
  • monza_gt_marciello_2019_gallery12
    monza_gt_marciello_2019_gallery12
  • monza_gt_marciello_2019_gallery1
    monza_gt_marciello_2019_gallery1
  • monza_gt_marciello_2019_gallery8
    monza_gt_marciello_2019_gallery8
  • monza_gt_marciello_2019_gallery2
    monza_gt_marciello_2019_gallery2

Comments are closed.