MENU
marciello-paul-richard-2019

A BROKEN SUSPENSION FORCES MARCIELLO’S TO ANOTHER WITHDRAWAL

marciello-misano-2019

A SOUR-TASTING PODIUM IN MISANO

marciello-paul-richard-2019

26/06/2019 Comments (0) Views: 134 Mercedes-AMG, TeamLello

A WITHDRAWAL ROBS MARCIELLO OF A PRESTIGIOUS TRIUMPH

24H NORDSCHLEIFE
A WITHDRAWAL ROBS MARCIELLO OF A PRESTIGIOUS TRIUMPH

The 24h of Nordschleife is, without a shadow of a doubt, one of the most awaited and exciting races of the season, with over 170 cars competing for the prestigious victory – a triumph which is even more important to German manufacturers. It is no wonder, then, that Mercedes-AMG decided to put Marciello at the wheel of one of its top cars, the MANN FILTER-sponsored GT3 no 48, alongside teammates Maxi Götz, Lance David Arnold, and Christian Hohenadel.

The team did well in qualifying and gained access to Friday night’s superpole, where Götz obtained a magnificent second place. The race begun on Saturday afternoon with Arnold behind the wheel. Unfortunately the Mercedes in pole position ran away from him, and Arnold eventually remained entangled in the jungle of overlapped cars, falling back to fifth. Götz handled the following 2 hours well, and was able to recover a position before handing the baton to Marciello. The Ticino driver’s speed (he was the fastest on the track) won the team another position, and as the Mercedes in pole was forced to retire, Marciello found himself desperately chasing the new leader (a Porsche) – although the 1.30 minute gap seemed impossible to fill. The chase continued well into the night, and saw Marciello and Götz keeping the Mercedes in the game and the result uncertain. A small collision with an overlapped car at the crack of dawn didn’t slow down Marciello, but after he passed the wheel to Götz, the steer (which was bent in the collision) gave and sent the car slamming against the barriers. Götz came out unscathed but the accident ended the GT3 no 48’s race.

The feeling of a missed opportunity was heightened when the Porsche in the lead was punished with a 5-points penalty for disregarding a few double yellow flags – a twist of fate that would have handed Marciello and his team the final victory.

Although disappointed, Marciello vowed to keep his head up in preparation for the next Blancpain Sprint Series race, which will take place on June 29-30 in Misano.

24H NORDSCHLEIFE
RITIRO A SEI ORE DAL TERMINE, VITTORIA SFUMATA!

In una cornice di pure passione si è giunti alla 24H del Nordschleife, uno degli appuntamenti più importanti dell’anno che si corre sullo storico circuito del Nordschleife unito al circuito F1 del Nürburgring. Più di 170
vetture iscritte spalmate su diverse categorie rendono questo appuntamento unico, con una grande attenzione da parte di tutti i costruttori, specialmente quelli Tedeschi, che vogliono assolutamente vincere
questa prestigiosa corsa, insidiosa per il traffico, il meteo e la resistenza meccanica della vettura.

Per questo appuntamento, Mercedes-AMG ha deciso di posizionare Raffaele Marciello su una delle sue vetture di punta, l’equipaggio numero 48 sponsorizzato dalla gialla MANN FILTER, coadiuvato dai piloti factory Maxi Götz, Lance David Arnold e Christian Hohenadel. Nella giornata di Giovedì, l’evento ha preso il via con le prove libere seguite poi dalla prima sessione di prove di qualificazione in notturna che, assieme alla seconda sessione di qualificazione del Venerdì hanno determinato le trenta vetture più veloci che si sono date battaglia nella Superpole di Venerdì sera. In questa sessione, la Mercedes-AMG GT3 numero 48 guidata da Götz si è posizionata in seconda posizione assoluta, ottima condizione di partenza in una gara molto insidiosa sotto l’aspetto del traffico.
La gara, iniziata Sabato pomeriggio, ha visto al volante nelle fasi di partenza Lance David Arnold che, purtroppo, non è stato incisivo accusando immediatamente un notevole distacco dalla
Mercedes in pole position che, col passare del tempo, è andata in fuga. Come se non bastasse, con l’arrivo dei primi doppiati molto piu’ lenti, Arnold non è riuscito a districarsi nel traffico, scendendo sino alla quinta
posizione assoluta, con un notevole distacco in termini cronometrici rispetto la testa della corsa. Dopo due ore di gara, il volante è stato preso da Götz che ha guidato per due ore in modo veloce e pulito, recuperando
una posizione. La quinta e la sesta ora di gara hanno visto invece Marciello che è risultato il piu’ veloce in pista riuscendo a risalire sino alla terza posizione. Mentre la gara procedeva in modo regolare, sono arrivati anche i primi ritiri da parte degli avversari, non per ultimo quello della Mercedes in testa alla gara, che lasciava quindi la prima posizione alla Porsche seguita dalla Mercedes AMG GT3 numero 48 di Marciello, con
un distacco di circa un minuto e mezzo, difficilmente recuperabile non essendoci l’utilizzo di safety cars in questa competizione. Dopo tre ore di gara in cui Götz e Hohenadel si sono alternati alla guida, Marciello è
tornato al volante nella notte, imponendo il ritmo piu’ veloce della corsa, riducendo sempre piu’ il distacco con la Porsche in testa. All’alba, l’alternanza di Götz e Marciello alla guida ha mantenuto la corsa aperta,
tenendo la seconda posizione assoluta e continuando con un ritmo molto elevato. Nelle prime ore del mattino, mentre Marciello era al volante, il doppiaggio di una vettura molto piu’ lenta di un’altra categoria,
ha visto il contatto tra le due vetture, contatto che apparentemente non ha portato a conseguenze anche se in realtà ne ha risentito lo sterzo che si è piegato. Potendo comunque continuare con un passo da Leader,
Marciello ha portato a termine il proprio stint, per poi lasciare il volante a Götz nella rincorsa della Porsche in testa. Purtroppo, mentre Götz era al volante a circa sei ore dal termine, lo sterzo ha ceduto in una curva,
facendolo andare dritto contro le barriere, fortunatamente senza gravi conseguenze ma ponendo la fine definitiva della corsa per la Mercedes AMG GT3 numero 48.

Oltre al danno del ritiro e della seconda posizione dunque sfumata, nelle ore successive è arrivata la beffa, perché la Porsche in testa ha ricevuto una penalizzazione di ben cinque minuti per il mancato rispetto di alcune doppie bandiere gialle, cosa che avrebbe consegnato la vittoria assoluta alla vettura di Marciello.

La delusione è sicuramente grande per l’intero equipaggio ma senza perdersi d’animo Marciello guarda già alla prossima gara che si correrà i prossimi 29 e 30 Giugno sul circuito di Misano, appuntamento del Blancpain Sprint Series.

Comments are closed.