MENU
monza2017_header

No luck for Mercedes number 90 in Monza

silverstone2017_header

A precious podium in Silverstone

brandshatch2017_header

10/05/2017 Comments (0) Views: 565 Blancpain GT Series 2018, Free Pratice, Gallery, Mercedes-AMG, Races, Team AKKA, TeamLello

Another positive weekend in the Sprint Series

Another positive weekend in the Sprint Series.

Things got tough for Raffaele on the Brands Hatch track, as his Mercedes AMG GT3 struggled too keep the pace with cars endowed with a more favorable BOP (balance of performance) and a top speed advantage of 10 km/h on average – such as Lamborghini, Audi, BMW e Bentley. With such odds against him, all Marcello could do was hang in there and try his best to compete. He had already triumphed on the track in his Formula days, but this was his GT debut; he made the most out of the free sessions, gaining feeling with the track and climbing high in the standings – but also realising that the gap with the faster cars would be impossible to close in qualifying. Still, Marciello and his teammate Meadows worked hard to find the perfect set up to fight the odds, and an almost flawless run by Marciello in the third session guaranteed them a 12th place on the grid. If it hadn’t been for the heavy traffic Marciello had to navigate in the first sector, it could have been a fifth or sixth place, which goes to show how efficient Raffaele’s driving was.
The first race took place on Sunday morning; Marciello started with confidence and kept his place, also thanks to a deftly avoided collision with a car that went into a tailspin. Precise driving, a pace unmatched by the other Mercedes, and a perfect driver change propelled the Marciello-Meadows team to an eight position finish. In the second race the driving order was inverted, and Marciello got behind the wheel with the hard task of fending off attacks by the faster cars that were close on his heels. He pulled it off and grabbed another eight place (the second best Mercedes result in the race), which turned into a seventh place due to a post-race penalty inflicted on an opponent.
Seeing the glass half full, six point are not a bad loot to bring home from such a demanding weekend. Marciello’s focus is already on the next challenge: the next stage of the Endurance series of the Blancpain GT championship, which will take place in a few days (on May 13th and 14th) on the Silverstone track.


Un altro weekend positivo nella Serie Sprint

Quando le condizioni risultano avverse, l’obiettivo è quello di incamerare quanti più punti possibili cercando di arginare lo strapotere degli avversari: questo potrebbe essere un riassunto perfetto del week end che si è appena concluso presso il circuito di Brands Hatch con ben 32 vettura in gara. Il secondo appuntamento della serie Sprint del campionato Blancpain GT ha messo immediatamente in risalto lo strapotere delle vetture Lamborghini, Audi, BMW e Bentley che godono di una BOP (Balance of Performance) davvero favorevole; i numeri parlano chiaro: circa 10 km/h di svantaggio in velocità massima per tutte le Mercedes AMG GT3 e quasi un secondo di differenza nel settore più veloce della pista, dove solo il motore può aiutare il pilota. Raffaele Marciello, nuovo su questo circuito in configurazione GT (dove ricordiamo ha stravinto nel 2013 nel tracciato in configurazione “formula” nel campionato Europeo Formula 3), ha preso le misure della pista nel corso delle prime prove libere dove ha cercato di incamerare quante più tornate possibili, nonostante la presenza di una bandiera rossa che ha ridotto la sessione in corso. Nel corso delle seconde prove libere Raffaele, con la sua Mercedes AMG GT3, ha immediatamente espresso il suo potenziale piazzandosi nella zona alta della classifica e cercando di estrarre il massimo dalla sua vettura con un chiaro responso: sarebbe stato difficile in qualifica precedere la concorrenza davvero avvantaggiata nei settori più veloci della pista. Nonostante ciò, Marciello ed il suo compagno di vettura Meadows, non si sono persi d’animo lavorando sul set up della vettura e concentrandosi sui piccoli dettagli che avrebbero potuto fare la differenza. Il sabato pomeriggio si sono tenute le qualifiche: la prima sessione è stata guidata da Michael Meadows prima di lasciare il volante a Raffaele per la seconda sessione, quella chiave. Raffaele ha dato il massimo piazzandosi in tredicesima posizione e riuscendo a qualificarsi per la Q3: sessione riservata solamente alle diciassette vetture più veloci in pista. Nel corso della terza sessione di qualificazioni, Marciello ha incamerato un giro quasi perfetto (peccato per il primo settore dove ha perso leggermente a causa del traffico) riuscendo a posizionarsi in dodicesima posizione, a otto decimi dalla vetta e terzo tra le vetture Mercedes AMG GT3 presenti in pista. La prestazione di Raffaele è comunque stata di grande rilievo perché, escludendo il primo settore dove ha trovato traffico (settore che poi ha migliorato di ben due decimi di secondo senza traffico) si sarebbe piazzato tra la quinta e la sesta posizione in griglia. La domenica mattina si è tenuta la prima gara dove Raffaele ha preso il via in dodicesima piazza ed ha mantenuto la posizione nelle concitate fasi di partenza, riuscendo anche ad evitare una vettura andata in testacoda davanti a lui. Incamerando giri al vertice tra le vetture Mercedes e con un cambio pilota perfetto, la coppia Marciello-Meadows è riuscita a risalire sino alla ottava posizione. Nella seconda gara, con partenza appunto dall’ottava piazza, il via è stato preso dal compagno di squadra Meadows che ha consegnato la vettura, dopo circa mezz’ora di gara, a Raffaele. Marciello, salito in auto, ha dato il massimo incamerando numerosi giri davvero ottimi e difendendo la posizione dagli avversari dotati di vetture ben più veloci alle sue spalle concludendo la gara in ottava posizione. A causa di una penalizzazione post gara inflitta ad un avversario, la Mercedes AMG GT3 numero 90 ha guadagnato una posizione, salendo in settima piazza, seconda tra le Mercedes presenti in pista. Si lascia dunque Brands Hatch con un bottino di soli sei punti che però sono il massimo che si sarebbe potuto estrarre da un week end davvero avverso con quello appena conclusosi. Non perdendosi d’animo, si guarda già al prossimo appuntamento che si terrà tra pochi giorni.

  • brandshatch2017_gellery3
    brandshatch2017_gellery3
  • brandshatch2017_gellery2
    brandshatch2017_gellery2
  • brandshatch2017_gellery7
    brandshatch2017_gellery7
  • brandshatch2017_gellery1
    brandshatch2017_gellery1
  • brandshatch2017_gellery5
    brandshatch2017_gellery5
  • brandshatch2017_gellery4
    brandshatch2017_gellery4
  • brandshatch2017_gellery6
    brandshatch2017_gellery6

Comments are closed.