MENU
2018_rmarciello_vln_nbring

VLN – A SECOND PLACE AT THE NURBURGRING

2018_rmarciello_macau

A POLE POSITION AND A GREAT PERFORMANCE

2018_rmarciello_lseca

05/11/2018 Comments (0) Views: 141 Mercedes-AMG, Races, TeamLello

INCHES AWAY FROM YET ANOTHER DRAMATIC WIN

INTERCONTINENTAL GT CHALLENGE – LAGUNA SECA 8H
MARCIELLO INCHES AWAY FROM YET ANOTHER DRAMATIC WIN

After a wonderful victory at the 10H of Suzuka, Marciello travelled to Laguna Seca, California, for the last stage of the Intercontinental GT Challenge championship. Marciello, co-leader of the competition alongside teammate Vautier – with whom he shared driving duties in the past three races – was separated from the frenchman so that Mercedes could maximise the chances of winning the championship, and joined team Strakka for the occasion. In the free sessions Marciello and new teammates Goetz and Williamson worked hard to better the set-up of the Mercedes AMG GT3 no 43, bringing it closer to Marciello’s standards. On Saturday’s qualifying, a great performance by the three drivers – Marciello dominated his session – put the no 34 in the top 15 and won the team access to the Super-Pole. Marciello didn’t waste the opportunity and finished second, hindered only by a traffic jam that kept him from overtaking the Bentley in front.
The 8-hour race took place on Sunday. Marciello drove first: he kept the second position and immediately started attacking the Audi in the lead, leaving his pursuers in the dust. One hour later, Marciello pulled off a spectacular overtaking, and finished his stint up front. He then sat back and watched as his teammates not only kept the lead, but also widened the gap with Marciello’s rival for the title – Vautier. A strategy mistake during a safety car intervention, however, then nullified this effort. Marciello didn’t lose his spirit: he got back on the track with the objective of at least gaining the most possible points so that Mercedes could win the Constructors’ championship over Audi. He thus staged an impressive comeback, but when an overtaking cost him a collision that sent him slightly off track and filled the vents of the car with sand, the loss in terms of power slowed him down and sent him back to 7th, behind Vautier, who eventually claimed the drivers’ title.
The result left a bitter taste in Marciello’s mouth, especially since many of the points that his teammate-turned-rival had gathered in the three previous races were the result of Marciello’s own stellar performances.
Marciello has already moved on, however, and is fully focus on Macao, where he will be from November 14 to 18 to race in the FIA GT World Cup.

INTERCONTINENTAL GT CHALLENGE – LAGUNA SECA 8H
DOPO UNA GARA TUTTA AL COMANDO, TITOLO SFUMATO PER UN SOFFIO

Dopo la fantastica vittoria alla 10H di Suzuka, Marciello è giunto all’ultimo appuntamento dell’Intercontinental GT Challenge presso il circuito Californiano di Laguna Seca. Il Ticinese è arrivato all’ultima gara in prima posizione nella classifica piloti, a pari punti con il Francese Vautier, con cui ha condiviso la vettura nelle precedenti tre gare del campionato: la 12H di Bathrust, la 24H di Spa-Francorchamps e la 10H di Suzuka. Per ragioni strategiche, Mercedes-AMG ha deciso di dividere i due compagni di squadra su due equipaggi differenti, al fine di massimizzare le possibilità di diventare ugualmente campioni con uno dei due piloti. Marciello è così stato dirottato presso il Team Inglese Strakka, sulla Mercedes AMG GT3 numero 43, coadiuvato dai compagni di squadra Maximilian Goetz e Lewis Williamson. Nei due giorni di prove libere di Giovedì e Venerdì, Marciello ha dovuto lavorare parecchio per modificare radicalmente il set-up della vettura, profondamente differente dal solito con cui Raffaele è abituato a lavorare e molto più lento rispetto la concorrenza. Fortunatamente, dopo due giorni di modifiche, si è giunti ad una regolazione della Mercedes AMG GT3 numero 43 non ottimale ma quantomeno notevolmente migliore rispetto quanto provato ad inizio week-end.
Nella giornata di Sabato sono andate in scena le prove di qualificazione che hanno visto Marciello posizionarsi in prima posizione assoluta durante la prima sessione ed i due compagni Goetz e Williamson fare comunque molto bene nelle rispettive sessioni, permettendo di avere accesso alla Super-Pole, sessione riservata solamente alle quindici vetture più veloci in pista. Nel corso della Super-Pole, dove il volante è stato preso esclusivamente da Marciello, il Ticinese è riuscito a concludere in seconda posizione assoluta, in un sandwich di vetture Audi e nonostante il traffico trovato nell’ultimo settore con una Bentley che gli ha impedito di agguantare la Pole Position. Domenica mattina ha preso il via la gara, dalla durata di otto ore, con Raffaele al volante nelle fasi iniziali di gara. Dopo aver mantenuto la seconda posizione, Marciello ha iniziato ad attaccare l’Audi in testa, facendo un vero e proprio vuoto rispetto agli avversari alle spalle. A pochi minuti dalla fine della prima ora di guida, Raffaele è riuscito anche ad agguantare la prima posizione con uno splendido sorpasso sulla vettura della casa dei quattro anelli. Consegnata la vettura ai compagni di squadra in prima posizione, Marciello è così rimasto in attesa di tornare al volante per le ultime due ore di corsa. Nelle cinque ore intermedie, i compagni Goetz e Williamson hanno svolto un lavoro egregio, mantenendo costante la prima posizione ed accumulando anche un discreto vantaggio, circa quindici secondi, sulla diretta vettura rivale di Vautier. Tutto il vantaggio accumulato è però stato vanificato a due ore della fine, quando per un errore di strategia durante un regime di safety-car, l’equipaggio della Mercedes AMG GT3 numero 43 si è fermato un giro dopo i rivali, rientrando in coda al gruppo di vetture GT3, vanificando quanto fatto nelle sei ore precedenti di gara. Senza perdersi d’animo Marciello ha iniziato una fantastica rimonta, superando ben tre vetture in un solo giro, inclusa la Mercedes del Francese Vautier (in quel momento pilotata da Buhk) e riportandosi ancora virtualmente in testa al campionato piloti. Nelle successive fasi di gara però, il passo di Marciello era notevolmente superiore a quello degli avversari che lo sopravanzavano ed ha così tentato un sorpasso su una vettura Audi che lo precedeva, soprattutto in ottica campionato costruttori per portare quanti più punti possibili a Mercedes-AMG, in lotta per il campionato con Audi. Purtroppo, in queste fasi di sorpasso, dopo un leggero contatto è stato costretto ad uscire leggermente di pista, sporcando notevolmente di sabbia i condotti di aspirazione della sua vettura che ha perso notevolmente potenza, con la conseguente perdita di posizioni rispetto ai rivali, terminando così la corsa in settima posizione, dietro alla Mercedes di Vautier che si è dunque proclamato campione.
Con grande rammarico si abbandona questa gara, soprattutto sapendo che le precedenti tre corse del campionato, hanno visto un netto dominio di Marciello che ha portato con sé Vautier in tutti i risultati, prima di essere divisi in occasione dell’ultimo appuntamento. Senza perdersi d’animo l’attenzione va ora tutta a Macao, dove dal 14 al 18 Novembre si correrà la FIA GT WORLD CUP.

Comments are closed.