MENU
sepang2017_header

Sepang, last minute call and great performance!

brandshatch2017_header

Another positive weekend in the Sprint Series

monza2017_header

02/05/2017 Comments (0) Views: 707 Blancpain GT Series 2018, Free Pratice, Gallery, Mercedes-AMG, Qualifying, Races, Team AKKA, TeamLello

No luck for Mercedes number 90 in Monza

No luck for Mercedes number 90 in Monza.

The first stage of the Endurance series of the Blancpain GT championship took place on the Monza track over the course of last weekend. On Saturday Raffaele Marciello and teammates Micheal Meadows and Edoardo Mortara got behind the wheel for the free practice sessions; they soon found out that their Mercedes AMG GT3 didn’t feel at home in Monza, on a straights-filled track that rewards high speed. Their car is best suited for tracks where speed is not paramount, and where its aerodynamic, mechanical grip can make a difference – especially when it comes to challenging turns. To make matters worse, Misano’s great performance had given way to an official order to all Mercedes to use a less “aggressive” electronic mapping of the motor under the “Balance of Performance” principle, which aims to keep the races spectacular and competitive by reducing the gap between the cars on the starting grid. Despite these setbacks, Marciello’s N.90 secured a good ninth place, in front of all the other Mercedes.
The result couldn’t be replicated on Sunday’s qualifying sessions, when the fastest cars (Ferraris and Lamborghinis above all) made the most of their advantage and filled up the first ten rows, leaving Raffaele to start from the 24th position despite a gap of only seven tenths of second (which goes to show how ruthlessly competitive the Blancpain GT Series is).
The endurance race scheduled for the afternoon was supposed to keep spectators spellbound for three long hours, with each team’s drivers alternating behind the wheel. Imagine Marciello’s disappointment when the Mercedes, manned by an unlucky Meadows, got caught in a multiple vehicle collision that left it badly damaged and barely able to stay in the race for the duration of the Englishman’s stint. When the time came for Marciello to take over, the AKKA team decided that the damage was too extensive that and safety was compromised. Hopes of yet another Marciello comeback were therefore nipped in the bud.
The team left Monza with a sour taste in their mouth, but their mind is already on the next stage of the Sprint Series, which will take place in Brands Hatch on May 6-7.


La Dea Bendata volta le spalle alla Mercedes numero 90

Si è svolto sul circuito di Monza il primo appuntamento della serie Endurance del campionato Blancpain GT Series. In uno scenario molto coinvolgente, ben 52 vetture si sono sfidate sul circuito Meneghino a suon di giri veloci e sportellate. Nel corso della giornata di Sabato, la Mercedes AMG GT3 numero 90 capitanata da Raffaele Marciello, è scesa in pista per le prime prove libere schierando a fianco del forte pilota Ticinese i compagni Micheal Meadows ed Edoardo Mortara. Il veloce circuito di Monza si è subito dimostrato sfavorevole a tutte le vetture della casa di Stoccarda a causa di velocità di punta inferiori alle vetture rivali: sui lunghi rettilinei dell’autodromo si raggiungono infatti velocità di punta molto elevate e anche pochi km/h di differenza in velocità massima comportano un notevole svantaggio in termini cronometrici. La Mercedes AMG GT3 riesce infatti ad esprime il suo massimo potenziale su circuiti medio veloci dove mette in risalto il suo grip aerodinamico e meccanico nelle curve più impegnative, pagando pegno sui circuiti veloci con velocità di punta inferiori alla concorrenza. Come se ciò non bastasse, a fronte della grande prestazione ottenuta sul circuito di Misano, a tutte le vetture Mercedes è stato imposto l’utilizzo di una mappatura elettronica del motore meno “aggressiva” per livellare le prestazioni con la concorrenza (in termini tecnici questo è chiamato “Balance of Performance” cioè un bilanciamento delle prestazioni tra le diverse vetture schierate in griglia per garantire spettacolo e competitività). Nel corso delle prime prove libere, la vettura numero 90 guidata da Raffaele è comunque riuscita a difendersi, riuscendo a terminare la sessione in nona posizione, prima tra tutte le Mercedes iscritte in gara. Nel corso delle seconde prove libere l’equipaggio di Raffaele si è concentrato sulla simulazione di gara, non utilizzando un ulteriore set di gomme nuove e dedicandosi ad incamerare quanti più giri possibili. Domenica mattina si sono tenute le qualifiche per la gara e, dopo i compagni Meadows e Mortara, è toccato a Raffaele cercare di strappare il miglior tempo dalla proprio vettura non riuscendo però ad andare oltre la ventiquattresima posizione: nelle prime dieci file infatti le vetture della concorrenza (Lamborghini e Ferrari in primis) hanno potuto godere delle proprie velocità di punta molto elevate per distaccare gli avversari. Da sottolineare che, tuttavia, il distacco subito di Raffaele dalla prima posizione è stato di soli 7 decimi e ben 33 vetture sono state separate dalla pole position per meno di un secondo, a dimostrazione dell’elevatissimo livello di competitività presente nel Blancpain GT Series. Domenica pomeriggio è dunque partita la gara Endurance che sarebbe dovuta durare tre ore per l’equipaggio della vettura numero 90; in partenza il volante è stato preso da Michael Meadows che, purtroppo, a pochi metri dal via è stato coinvolto in un incidente che ha convolto numerose vetture ed ha danneggiato notevolmente la parte anteriore della Mercedes AMG GT3. Nonostante ciò, Michael ha fatto il possibile per completare il proprio stint di gara per lasciare poi il volante a Raffaele ma, i danni subiti dalla vettura sono andati sempre più peggiorando, rischiando la perdita del cofano anteriore e perdendo molta potenza a causa della rottura del sistema di aspirazione della vettura. Una volta salito in macchina Marciello, il Team AKKA ha deciso di ritirare la vettura perché il proseguimento della corsa sarebbe stato troppo pericoloso a causa del continuo peggioramento delle condizioni della vettura. Uno stop forzato dunque ha impedito a Raffaele di esprimere il suo potenziale e cercare di rimontare quante più posizioni possibili in gara. Con l’amaro in bocca si è abbandonata Monza già col pensiero per la prossima gara della series Sprint che si terrà a Brands Hatch i prossimi 6 e 7 Maggio.

  • monza2017_gellery6
    monza2017_gellery6
  • monza2017_gellery5
    monza2017_gellery5
  • monza2017_gellery4
    monza2017_gellery4
  • monza2017_gellery3
    monza2017_gellery3
  • monza2017_gellery1
    monza2017_gellery1
  • monza2017_gellery7
    monza2017_gellery7
  • monza2017_gellery2
    monza2017_gellery2

Comments are closed.